Giornata internazionale contro la violenza alle donne 2011

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, il Coordinamento Provinciale delle donne Pd di Como, ha organizzato un monologo teatrale dal titolo “Lorena e Hina due storie oltre la cronaca” con l’attrice Ida Spalla.
Lo spettacolo si svolgerà alle ore 20.45 presso la Sala Noseda di Via Italia Libera e a seguire dialogo con:
Katia Trinca Colonel, Giornalista
On. Chiara Braga, Parlamentare PD
Eva allevi, Coordinatrice PD donne Como.

Il volantino della serata è scaricabile qui
Monologo teatrale 25 11 11

Le democratiche lombarde verso la Conferenza sul partito

Con la direzione nazionale del 24 giugno scorso è stato avviato un percorso aperto di discussione e di ascolto all’interno del partito che, partendo dal territorio, dovrà portare, attraverso le Conferenze Regionali, alla Conferenza Nazionale dove verrà avanzata una proposta che affronti alcuni dei nodi ancora aperti sul piano politico e programmatico. In questo quadro, non si può prescindere dall’elaborazione di un pensiero espresso dalle Democratiche Lombarde.

In più occasioni, così come nel documento del 24 giugno, il Segretario nazionale ha insistito sulla necessità ormai irrinunciabile di fare della democrazia paritaria (che rappresenta uno dei principi fondativi del PD sanciti dallo Statuto) un tema di battaglia politica nel Paese a partire proprio dalla discussione attualmente in corso.

Si è parlato della necessità di un rinnovamento profondo che si estrinsechi attraverso una proposta politica forte da presentare al Paese e di una classe dirigente rinnovata e rivitalizzata da nuove presenze di donne, di giovani e di tutti coloro che, portatori di un’esperienza, sappiano formulare un progetto riformista per il nostro Paese.

Competenze, esperienza politica, amministrativa e nelle professioni, impegno nel terzo settore e nel volontariato, nei movimenti sono ingredienti fondanti di una presenza delle donne in grado di rendere più credibile, forte e affidabile il progetto che proponiamo per il governo del Paese.

Non ci sfugge il fatto che il PD Lombardo è messo ora alla prova del governo di alcuni enti locali della nostra Regione, a partire da Milano, nonché nella gestione di questa delicata fase politica, avendo contezza del fatto che ciò che avviene in Lombardia ha significativi riflessi sul piano nazionale.

Inoltre, in questo momento storico, il quadro politico nazionale offre uno spaccato di incertezza sul quando e come si chiuderà il ciclo berlusconiano e con esso la logica della contrapposizione che lo ha caratterizzato.

Per scaricare il documento dell’assemblea rregionale del 29 ottobre 2011:

documento assemblea regionale del 29- 10-2011-1

In nome del Popolo – 5 novembre 2011

Il 5 novembre è convocata a Roma una grande manifestazione nazionale del Partito Democratico. Sarà un appuntamento politico estremamente importante per mettere in luce la crisi in cui si dibatte il Governo (e, con esso, il Paese) e per lanciare la nostra idea di alternativa: è tempo di una riscossa generale e di avviare la ricostruzione del Paese.
In occasione di questo grande evento, la Conferenza Nazionale delle Donne democratiche ha distribuito su tutto il territorio volantini e cartoline che possono essere inviate direttamente al Premier per chiederne le dimissioni.
Potete scaricarne il pdf.

cartolina donne dimissioni

VOLANTINO DONNE PD_DEF

Il Coordinamento donne in Festa a Cantù

FESTA PROVINCIALE PARTITO DEMOCRATICO

CANTU’ – PARCO DEL BERSAGLIERE – VIA COMO

GIOVEDì 28 LUGLIO

Ore 21.00
Serata organizzata dal Coordinamento Donne PD Como
Conversando con:
Eva Allevi  Resp. Coordinamento Donne
Chiara Braga Parlamentare PD

Spettacolo “Pachamama storia di una
madre terra molto arrabbiata “

Donne dal mondo

II° Concorso artistico in memoria di Nilde Iotti

Il Circolo del Partito Democratico di Sesto San Giovanni di via Gorizia “ Nilde Iotti”, vista la partecipazione e l’interesse suscitati dalla prima edizione del concorso artistico dedicato a Nilde Iotti, ha deciso di proseguire questa esperienza promulgando la seconda edizione.
Il concorso di quest’anno si amplia aprendo una sezione dedicata ai video.

Scarica da qui il bando di concorso Iotti 2011-1

Il concorso nasce con l’intento di rendere omaggio a Nilde Iotti: una grande donna, dirigente politico di eccezionale prestigio, arrivata fino alle più alte cariche dello Stato, prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei Deputati per ben tre legislature (dal 1979 al 1992) primato finora incontrastato, ruolo che ha ricoperto con grande austerità, rigore morale, competenza e fermezza e con il sorriso sulle labbra, non scordandosi mai di essere, prima di tutto, una “donna”.

Il titolo che è stato scelto ”Donne dal mondo” vuole essere un modo di rendere omaggio alle donne.

Nel pieno della Rivoluzione francese, che aveva visto anche le donne scendere in piazza a rivendicare i diritti politici e civili negati dall’assolutismo monarchico, Olympe de Gouges pubblicava nel settembre del 1791 la Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina. Un testo che denuncia la mancanza di libertà delle donne e chiede il riconoscimento di una serie di garanzie ed opportunità che rendano effettivi i principi della Rivoluzione anche per le donne. Cosa è cambiato in questi 220 anni? Qual è l’immagine della donna nel 2011?

Il concorso si compone di tre sezioni: una letteraria (poesie e scritti brevi), una fotografica e una video ed è rivolto a tutti e ha un costo di iscrizione di 5 euro (iscrizione gratuita per gli under 18).

Le iscrizioni e la consegna dei lavori sono aperte dal 19 giugno 2011 e si chiuderanno il 20 novembre 2011.

Per tutti coloro che volessero partecipare il bando si trova sul sito del circolo http://www.pdiottisesto.it/ oppure possono telefonare o scrivere al portavoce del Circolo
335 7199749. Mail rappi@fastwebnet.it

Il circolo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19 e la domenica mattina dalle 9 alle 12.


Le donne di Siena

Maternità come diritto (e non come ostacolo per trovare o mantenere il lavoro), il congedo di maternità obbligatorio, l’importanza di internet per il movimento dei comitati di Se non ora quando. Lungo questi filoni si è chiusa nella tarda mattinata di ier a Siena, la due giorni di ‘Se non ora quando’, che  ha visto partecipare 2000 donne provenienti da ogni parte del nostro Paese, ben oltre le previsioni delle organizzatrici.

È stata una vera e propria maratona oratoria: in 55 interventi sono stati affrontati i temi del movimento delle donne emersi il 13 febbraio scorso. Hanno parlato, tra le tante, Susanna Camusso, Rosy Bindi (che ha ricordato come finora non ha mai fatto parte di movimenti femministi) e l’avvocatessa Giulia Bongiorno.

La rete dei tanti comitati che fanno riferimento a ‘Se non ora quando’ hanno usato tutti i mezzi di comunicazione, soprattutto il web, fondamentale per il successo del movimento stesso. Ma il dibattito di ieri ha toccato temi come la precarietà, la maternità, il lavoro. Le partecipanti hanno sottolineato i rischi della manovra economica che, è stato detto più volte, «in un paese come il nostro con un welfare inadeguato aggrava la situazione colpendo soprattutto le donne e scaricando su di loro i costi della crisi». Da qui la richiesta della maternità come diritto a carico della fiscalità generale e il congedo di paternità obbligatorio. Senza dimenticare che i tagli al welfare costringono le donne a supplire con la loro attività di cura ai servizi e all’assistenza negata.

Le democratiche al fianco delle lavoratrici della Ma-Vib

La grave decisione assunta dai vertici della MA-VIB di Inzago di licenziare 13 lavoratrici con una evidente modalità di carattere discriminatorio ci costringe ancora una volta a rilevare come le conseguenze della crisi si abbattano, in misura ancora più drammatica, sulle donne.

Come spesso succede l’attenzione mediatica ha acceso i riflettori su uno dei numerosissimi casi che si verificano quotidianamente in Lombardia ed in particolar modo nell’Area Metropolitana Milanese.

Nel rispetto delle lavoratrici vogliamo fermamente evitare qualsiasi forma di strumentalizzazione nei loro confronti ed esprimere loro la nostra massima solidarietà ed il nostro sostegno a tutela dei loro diritti.

Abbiamo chiesto l’intervento di tutte le istituzioni competenti ed una tempestiva risposta ci è arrivata dalle donne Democratiche del consiglio regionale (Sara Valmaggi e Arianna Cavicchioli) del consiglio provinciale (Diana De Marchi, Roberta Perego e Bruna Brembilla) e dalle parlamentari Marilena Adamo, Fiorenza Bassoli, Lucia Codurelli, Emilia De Biasi, Alessia Mosca, Barbara Pollastrini. Hanno infatti presentato interrogazioni e richieste di audizione delle rappresentanze delle lavoratrici al governo e alle giunte regionale e provinciale.

Il primo appuntamento ci vedrà presenti, martedì 5 luglio in Consiglio regionale per valutare le risposte di Formigoni alle lavoratrici della MA-VIB.

In quell’occasione renderemo pubblico il nostro progetto “CAROVANA DONNE LAVORO” che percorrerà tutte le realtà di crisi del Milanese.

Milano, 2 luglio 2011

PIERA LANDONI (responsabile Democratiche Area Metropolitana Milanese)
ILARIA COVA (responsabile Democratiche Lombarde)
LAURA SPECCHIO (responsabile Lavoro PD Lombardia)